Torna a Eventi FPA

Speakers

Arturo Siniscalchi

Siniscalchi Arturo Siniscalchi laureato in economia e commercio presso l'Università La Sapienza di Roma. Dottore commercialista e revisore dei conti. Dopo significative esperienze presso le più importanti società di consulenza internazionali, dal 2004 è dirigente di Formez PA, ente in house del Dipartimento della Funzione Pubblica. Attualmente ricopre il ruolo di Direttore dell'Area Politiche Settoriali. Esperto di management pubblico ha pubblicato diversi volumi sul tema della governance. È stato Direttore Generale commissario liquidatore di Euform.it SpA, società operante nel settore multimediale della PA.

Questo relatore nel programma congressuale

mercoledì, 24 maggio 2017

11:45
13:30

La partecipazione nell’impiego dei fondi europei. L’esperienza del Formez PA[co.91]

Sala:

Con la programmazione 14-20 il coinvolgimento dei partner e la mobilitazione di tutti i soggetti interessati sono fondamentali per realizzare la strategia Europa 2020 e per il perseguimento degli obiettivi delle politiche di coesione.

Quest’approccio ha fatto emergere la necessità, per la PA, di acquisire nuove capacità, di rinnovare strategie, metodi e strumenti per l’attuazione della policy.

Il Formez è impegnato con diversi progetti a supporto dell’attuazione dei POR di diverse regioni, e in alcune, come ad esempio nella regione Calabria, sta sperimentando metodi e strumenti finalizzati a facilitare la partecipazione.

Con il progetto SuTeCa, (Supporto tecnico alla regione Calabria per l’avvio della programmazione 2014-2020”), ad esempio, grazie all’interesse specifico che la regione ha manifestato per l’introduzione di metodi innovativi finalizzati a potenziare il coinvolgimento concreto di partner economico sociale, stakeholders, cittadini, il Formez sta maturando alcune significative esperienze.

Con questo seminario, raccontando dei frammenti di queste esperienze, si intende fornire un contributo alla riflessione, centrato sugli aspetti tecnici, metodologici ed organizzativi, soprattutto rispetto agli strumenti e alle competenze necessarie per la loro efficacia.

giovedì, 25 maggio 2017

14:45
15:30

Competenze digitali: scenari e prospettive[ws.50]

Stand:

L’innovazione digitale nella PA italiana ha molte luci e ombre. Siamo il Paese che per primo si è dotato di un Codice di amministrazione digitale, ma in questi 10 anni poco di quello che era previsto è diventato realtà. Se poi guardiamo agli indicatori europei del Digital Agenda Scoreboard, l’Italia è sempre agli ultimi posti dalla diffusione di internet tra cittadini e imprese, al livello di cultura e competenze digitali. Questo non ci meraviglia più, anzi ci sorprende scoprire che siamo, invece, sopra la media europea per i servizi di e-government o per open data. 
E’ senz’altro possibile una PA più moderna e tecnologica se ci sono alcune condizioni. Le competenze digitali, gli e-leader, la cittadinanza digitale, l’open-government, l'aggiornamento e il rispetto del CAD e l’Agenda Digitale, rappresentano la chiave di accesso alla rivoluzione digitale che può cambiare/innovare, attraverso uno sfruttamento pieno delle opportunità delle tecnologie, la cultura, le competenze e i servizi della PA e, quindi, di tutti noi.

Torna all'elenco dei Relatori