Torna a Eventi FPA

partner

CORIANT

Coriant nasce nel 2013 da una iniziativa di Marlin Equity Partners che ha realizzato una fusione della divisione Optical Networks di Nokia Siemens Networks, di Sycamore e di Tellabs, mettendo a fattor comune un patrimonio di oltre 40 anni di innovazione tecnologica.

Coriant sviluppa soluzioni innovative telecomunicazioni per un mondo digitale in rapida evoluzione con esigenze crescenti di connettività.

Il suo portafoglio di soluzioni di Networking è integrabile anche in modalità multi-vendor attraverso applicazioni SDN che consentono agli utilizzatori di ridurre la complessità operativa, di ottimizzare l'utilizzo delle risorse di rete a tutti livelli di trasporto e di creare nuovi servizi per le future esigenze degli utilizzatori, tra cui traffico video, cloud e banda larga mobile.

Coriant offre le proprie soluzioni a Clienti presenti in oltre 100 paesi, tra cui provider di servizi di telefonia mobile e fissi, fornitori di contenuti, operatori data center, MSO di cavi, grandi imprese, agenzie governative, istituzioni finanziarie e società di servizi. Con centinaia di migliaia di sistemi di rete distribuiti in tutto il mondo, le soluzioni Coriant rappresentano la base delle reti TLC per miliardi di dollari nei ricavi dei servizi finali.

Anche in Italia Coriant è uno dei più’ importanti brand nella fornitura di soluzioni di networking , con decine di migliaia di sistemi installati e una forte presenza locale, tra le più importanti in Europa. Ha due sedi operative a Milano e Roma.

Coriant continua ad investire in risorse e tecnologie per servire al meglio i propri clienti in Italia e nel mondo e il più recente risultato è la definizione della “Hyperscale Carrier Architecture ™ (HCA)” che riunisce il meglio delle tecnologie di telecomunicazioni e dei data center e apre i principi di progettazione della rete in un'architettura unificata e avanzata.


E' partner di

giovedì, 25 maggio 2017

15:00
18:00

La razionalizzazione dei datacenter per l'efficienza e la sostenibilità dell'infrastruttura tecnologica pubblica[co.65]

Sala: Sala 11

Un piano di razionalizzazione delle infrastrutture IT della Pubblica Amministrazione implica una visione di lungo periodo, importanti investimenti e un coordinamento che tenga conto delle varie realtà presenti sul territorio.

Come già annunciato dalla stessa AgID, il processo di razionalizzazione passa dalla riduzione significativa delle infrastrutture materiali e immateriali, che spinge a ragionare  in termini di Poli Nazionali. Dunque una semplificazione fisica e logica, che prevede l’individuazione di pochi centri (pubblici o privati), suddivisi su base territoriale, o su base “tipologia di Amministrazione”. Lo scopo è quello di accentrare i sistemi, garantendo gli stessi servizi a tutte le Amministrazioni e tutti i cittadini presenti sul territorio.

Tale processo permetterà tra l’altro una gestione più efficiente dei centri, una loro maggiore sostenibilità anche in termini di consumi energetici, una maggiore sicurezza, riducendo drasticamente la superficie d’attacco.

Tra i 17 Sustainable Development Goals - strettamente correlati l'uno con l'altro - il focus, in questo evento, sarà sull'obiettivo 9 "Innovazione e infrastrutture".

Torna alla lista dei Partner