Torna a Eventi FPA

Programma congressuale: disponibili gli atti di tutti gli eventi

Torna alla home

  da 14:00 a 17:00

La business intelligence nella Pubblica Amministrazione [ tl.03 ]

Sala: Sala Microsoft

Nell’ambito del tema guida di questa edizione di FORUM PA, l'integrazione di tutte le informazioni afferenti l'amministrazione pubbliche assume primaria importanza.
Usare modelli di business analytics per migliorare le performance e agire proattivamente sui mercati significa costruire una «casa» fatta di infrastruttura, componenti software, metodologie e formazione. Grazie all’applicazione della BI è possibile analizzare masse enormi di dati per interpretare i comportamenti dei cittadini e per conoscere meglio i loro bisogni. Gli impieghi potenziali della BI sono molteplici e spaziano dall’ambito fiscale, al sistema dei trasporti e alla Sanità: analisi di bilancio, pianificazione e programmazione del lavoro, pianificazione e controllo strategico, controllo di gestione, controllo di performance e valutazione degli obiettivi, individuazione degli evasori fiscali.

In tale contesto, proprio per avviare questo percorso, si inserisce il tavolo di lavoro “La business intelligence nella Pubblica Amministrazione” che non è un convegno classico ma una riunione riservata tra pari ed esperti del settore focalizzata su alcuni aspetti di rilevanza strategica:
Quali sono ad oggi i problemi e le criticità legate all'integrazione dei dati interni ed esterni dell'Ente?
Quali le opportunità di risparmio dell'Ente attraverso la business intelligence?
Come creare processi gestionali strutturati e replicabili in tutte le aree funzionali dell'Ente?

L'evento è riservato, per inviare una richiesta di partecipazione scrivere a [email protected] indicando la funzione, l'ente di appartenenza e il titolo del workshop.


In collaborazione con

Programma dei lavori

Coordinano

Coacci
Renato Coacci Direttore Tecnico - Advant, a Proge-Software Company Biografia

Renato Coacci lavora da oltre quindici anni nel settore ICT. Esperto di progettazione di sistemi di business intelligence complessi e di data integration, ha ricoperto il ruolo di Chief Technical Officer e partecipato alla progettazione e realizzazione di sistemi di data warehouse presso importanti realtà aziendali italiane ed internazionali. I più recenti temi di specializzazione riguardano: Big Data, Opinion Mining e Sentiment Analysis.

 

Chiudi

Discussant

Albano
Nehludoff Albano Responsabile Servizio Sistemi Informativi e Telematici - Azienda Sanitaria Locale Taranto Biografia

Incaricato dalla Giunta Regionale quale componente e quale segretaria tecnica del Tavolo per la Sanità Elettronica (TSE) di Puglia;

Incaricato dalla Giunta Regionale di Puglia quale Responsabile Interno di Progetto del Sistema Informativo Sanitario Regionale (SISR) e del Nuovo Sistema Informativo Sanitario Regionale (Edotto);

Referente regionale e componente dei Gruppi di Lavoro del Nuovo Sistema Informativo Sanitario (NSIS) del Ministero della Salute;

Responsabile Interno di Progetto del Sistema e-Cup Puglia;

Responsabile Interno di Progetto del Nuovo Sistema Informativo Aziendale (N-SIA) dell’ASL TA;

Componente del Comitato Tecnico Scientifico dell’Osservatorio Epidemiologico Regionale di Puglia;

Incaricato dalla Giunta Regionale di Puglia quale Responsabile dei seguenti Progetti regionali di Sanità Elettronica: Edotto, e-CUP, N-118, SESIT, SIST, SIPREV, GIAVA, SIDSM, Arianna-Screening, Anatomia Patologica)

Chiudi

Dani
Filippo Dani Dirigente sistema informativo - Città metropolitana di Torino Biografia
Sono nato a Genova ma da molti anni vivo a Torino dove mi sono laureato in Scienze Politiche nel 1996.
Da quasi 20 anni, prima da funzionario poi da dirigente, mi occupo della gestione del sistema informativo della Provincia di Torino (ora Città metropolitana) ed ho quindi vissuto direttamente i tentativi, negli anni più o meno riusciti, di semplificare e modernizzare l'ente pubblico, oggi impegnato sui temi dell'Agenda Digitale.
Dal 2011 mi occupo anche del settore degli acquisti per il mio Ente (divenuto nel frattempo un "Soggetto aggregatore"), utilizzando l'e-procurement come leva per il cambiamento e per razionalizzare la spesa. In questo contesto sono responsabile per conto del mio Ente dello Spotello "PuntoPA", aperto l'anno scorso qui a Torino insieme a Consip, che è nato, tra l'altro, per supportare gli enti del territorio nelle diverse fasi di acquisto e per diffondere l'utilizzo degli strumenti e-proc di Consip.

Chiudi

Davoli
Quirino Davoli Responsabile UOSD Tecnologie Informatiche - ASL Roma 1 Biografia

Quirino Davoli nasce a Taverna (CZ) l’11 dicembre del 1953, compie gli studi di scuola media superiore presso l’Istituto Tecnico Industriale di Catanzaro. Si laurea in Ingegneria elettronica con indirizzo Calcolatori Elettronica presso l’Universita la Sapienza di Roma con il massimo dei voti.

Nel 1985 frequenta presso la Integrated Computer System – Productivity Through Educationa di Londra un master in “Designing Real Time Systems”. Nell’anno accademico 2000-2001 frequenta presso l’Universita Cattolica del Sacro Cuore il corso di perfezionamento in ‘Organizzazione e Gestione delle Aziende Sanitarie’. Nel 2016 e’ stato individuato come docente del corso di perfezionamento “ I Sistemi Informativi per il Governo delle Organizzazioni Sanitarie“ tenuto presso l’Alta Scuola di Economia e Management dei Sistemi Sanitari dell’Universita’ Cattolica del Sacro Cuore. Ha pubblicato articoli sul tema del controllo del traffico aereo e sui sistemi sanitari, ha partecipato come relatore in numerosi convegni e seminari e’ stato consulente di Direzione in numerose Aziende Sanitarie, Comuni e Provincie.

Nel 1983 viene assunto alla Finmeccanica dove rimane fino al 2000 occupandosi inizialmente di progettazione di sistemi in tempo reale nel campo aeronautico e navale e successivamente di marketing occupandosi dell’area UE Europea. Nello stesso periodo partecipa a diversi working-group internazionali promossi dalla UE su temi riguardanti i sistemi aeroportuali e i sistemi ATC (Air Traffic Control). Nel 2003 vince un concorso nazionale come ITC Manager presso le Aziende Sanitarie e viene assegnato all’Azienda ASL RM-E dove riveste il ruolo di Direttore dei Sistemi Informativi Aziendali. Nel 2016 la incorporazione dell’Ospedale San Filippo Neri nella ASL RM-E e la successiva fusione con la ASL RM-A da vita alla piuì grande azienda sanitaria italiana, l’ASL Roma 1 in cui riveste il ruolo di Direttore dei Sistemi Informativi fino al 2017. Nello stesso periodo riveste anche il ruolo di Direttore del Servizio Provveditorato Aziendale , di Direttore del Servizio Logistico e di Direttore dei Servizi Telefoni e Telematici Aziendali.

Chiudi

Lavacca
Pasquale Lavacca Già Direttore Sistemi Informativi Automatizzati - Comando Generale Arma Carabinieri Biografia

Il Generale di Divisione Pasquale Lavacca è nato a Canosa di Puglia nel 1952, è laureato in Giurisprudenza presso l’Università di Bari ed in Scienze della Sicurezza Interna ed Esterna presso l’Università di Roma “Tor Vergata”.

Dal 1 agosto 2011 al 1 dicembre 2013 Comandante della Legione Carabinieri “Piemonte e Valle d’Aosta” che ha giurisdizione su tutti i Carabinieri che operano nelle nove provincie delle due Regioni amministrative.

Dal 2006 al 2011 ha ricoperto la carica di Capo del III Reparto dello Stato Maggiore del Comando Generale dell’Arma dei Carabinieri, incarico di vertice e di massima responsabilità nella direzione dei programmi di ammodernamento e di mantenimento di sistemi e tecnologie impiegate per le attività operative e info-investigative, nonché nella gestione strategica degli armamenti ed equipaggiamenti speciali. In tale veste ha rappresentato l’Arma dei Carabinieri in vari congressi internazionali di Forze di Polizia a Parigi e Marsiglia, Londra e Birmingham, Madrid, Tel Aviv e Gerusalemme, Buenos Aires, New York, Miami, Washington, Sofia, Varsavia, Amsterdam.

 Ha intrapreso la carriera militare nel 1973, frequentando il 155° Corso dell’Accademia Militare di Modena e la Scuola di Applicazione dei Carabinieri di Roma.

 Ha maturato vaste e significative esperienze di comando nell’ambito dell’Organizzazione Addestrativa, quale Comandante di Plotone e Compagnia allievi presso la Scuola Sottufficiali di Firenze (dal 1977 al 1982) durante la quale (durante il sequestro Moro) è stato anche Comandante del Nucleo Carabinieri di rinforzo al supercarcere dell’Asinara alle dipendenze del Gen. Carlo Alberto Dalla Chiesa. In ambito Territoriale è stato Comandante della Compagnia di Torino Oltre Dora e, successivamente, del Nucleo Operativo e del Reparto Operativo del Comando Provinciale di Torino, con rilevante impegno nel contrasto alla criminalità comune ed organizzata (dal 1982 al 1991). Ha retto per tre anni (dal 1995 al 1998) il Comando Provinciale di Brindisi.

 Da Ufficiale superiore è stato chiamato ad assolvere compiti di significativo rilievo presso lo Stato Maggiore del Comando Generale dell’Arma, dapprima come Capo della 1^ sezione dell’Ufficio Logistico  - durante il quale ha svolto numerose missioni di ricognizione all’estero per l’ONU in Cambogia e per la UEO in Bosnia Erzegovina oltre a preparare la missione in Somalia - e successivamente quale Direttore della Direzione Materiali di Armamento e di Equipaggiamento Tecnico e come Capo Ufficio Armamento ed Equipaggiamenti Speciali, ove ha sviluppato l’attività di ricerca e sviluppo tecnologico nei settori dell’intelligence e della Polizia Giudiziaria oltre che dei materiali speciali per la protezione individuale.

Dal 2002 al 2006 ha ricoperto la carica di Comandante del Raggruppamento Tecnico-Logistico-Amministrativo, struttura di vertice dell’Organizzazione logistico-amministrativa dell’Arma per l’Italia Centrale.

Dal 2009 al 2011 ha ricoperto, tra l’altro, la carica di Presidente del Comitato Tecnico Interpolizie costituito presso il Ministero dell’Interno per la realizzazione della Rete Integrata delle trasmissioni delle forze di polizia.

Ha ricoperto anche l’incarico di Responsabile del Centro di Competenza (previsto dal C.A.D.: Codice dell’Amministrazione Digitale) per l’Arma e, in materia, è stato Referente del Ministro per l’Innovazione e le Tecnologie per il perseguimento degli obiettivi di Legislatura volti alla costituzione della “Società digitale”.

 Membro del Comitato di Sorveglianza per il Programma Operativo Nazionale per lo Sviluppo del Mezzogiorno nel quadro strategico Nazionale per l’impiego dei Fondi U.E., è stato responsabile - per il PON Sicurezza 2000/2006 – della Misura I.3 (Tutela Ambiente) e - per il PON Sicurezza 2007/2013 - degli obj operativi I.3 (Tutela Ambiente) e II.2 (Tutela lavoro regolare).

Dal 2 dicembre 2013 è il “Dirigente Generale Responsabile dei Sistemi Informativi ed Automatizzati dell’Arma dei Carabinieri” alle dirette dipendenze, in Roma, del Comandante Generale.

 

Chiudi

Marcotulli
Angelo Marcotulli Responsabile di settore servizi infrastrutturali, tecnologie innovative e fonia - Regione Toscana Biografia
È responsabile della riconciliazione delle iniziative regionali in materia di sviluppo della società dell'informazione con programmi nazionali, interregionali e europei.
Collabora per definire strategie per lo sviluppo delle tecnologie dell'amministrazione regionale della Toscana in riferimento ai temi dell'e-government e della e-democrazia e della partecipazione elettronica.
È responsabile di sistemi e servizi telefonici

Chiudi

Montoneri
Rosario Montoneri Responsabile Ufficio per l’Attività di Coordinamento dei Sistemi Informativi Regionali, Assessorato dell’Economia - Regione Siciliana
Perotto
Marco Perotto Dirigente Gestione Clienti - Mercati Enti Locali, Utility, Atenei e Agenzie Regionali - CSI Piemonte
Simone
Adriano Simone Ministero dello Sviluppo Economico
Strano
Grazia Strano Direttore Generale, Direzione generale dei sistemi informativi, dell’innovazione tecnologica e della comunicazione - Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Biografia

Dottore in Scienze Politiche, 54 anni, attualmente ricopre l’incarico di direttore generale della direzione generale dei sistemi informativi, dell’innovazione tecnologica e della comunicazione e, nell’ambito delle attività svolte, particolare attenzione è stata rivolta, in funzione del ruolo di Responsabile dei sistemi informativi automatizzati, ricoperto fin dal 2005, alle problematiche relative alla digitalizzazione dei processi amministrativi interni, alle problematiche della valorizzazione dei dati amministrativi raccolti e alla loro integrazione con quelli raccolti da amministrazioni esterne, funzioni rafforzate dal nuovo Codice dell’amministrazione digitale.
Nell’ambito dell’esperienza professionale svolta all’interno del Ministero del lavoro ha maturato importanti capacità nell’analisi e controllo di gestione, nelle attività contrattuali di una pubblica amministrazione, avendo ricoperto l’incarico di dirigente responsabile degli acquisti, anche nei confronti dei fornitori, dovendosi con questi interfacciare per la conduzione di un sistema informativo complesso come quello del Ministero del lavoro che interagisce con numerosi ministeri ed enti pubblici; nonché nel campo dei servizi per il lavoro, avendo avuto numerosi contatti con i responsabili del mercato del lavoro di regioni e provincie per l’analisi dei servizi per il lavoro e altresì con altri enti nel campo della tutela e vigilanza del lavoro.
Certamente l’inclinazione personale rivolta alla condivisione e voglia di crescere con gli altri, ha fatto si che molte attività siano state incentrate nelle tematiche dell’addestramento e trasferimento delle conoscenze, senza però perdere di vista quello che era l’incarico principale all’interno della Direzione Generale per l’Innovazione Tecnologica, che orienta il Ministero nelle scelte tecnologiche e di semplificazione in materia di lavoro. Ciò ha permesso di raggiungere considerevoli traguardi in termini di efficienza ed economicità sia per l’amministrazione sia per gli utenti dei servizi offerti dal Ministero.

Chiudi

Marlene
Mauro Marlene Ufficio Extradipartimentale di Protezione Civile - Roma Capitale
Torna alla home