Torna a Eventi FPA

Programma congressuale: disponibili gli atti di tutti gli eventi

Torna alla home

  da 11:45 a 13:30

Modelli di conservazione digitale [ co.10 ]

Partire dalla revisione del Manuale di Gestione per tendere all’interoperabilità dei sistemi, mettendo al centro il Piano di Conservazione

Sala: Sala 12

Il manuale di gestione documentale delle amministrazioni pubbliche deve accompagnare il processo di trasformazione dell’amministrazione e del suo modo di gestire la produzione documentaria nel corso degli anni, costituendo allo stesso tempo uno strumento che descrive il sistema di gestione dell’Ente e una guida di supporto al personale e ai cittadini. Una rivisitazione dei manuali di gestione adottati ai sensi delle regole tecniche sul protocollo (DPCM 31 ottobre 2000, articolo 5) è necessaria in ragione della nuova regolamentazione che nel dicembre 2013 (DPCM 3 dicembre 2013, articoli 3 e 5) ha introdotto alcune modifiche sostanziali nei sistemi di formazione, gestione e conservazione dei documenti. Inoltre l’approvazione del provvedimento sul documento informatico (DPCM 13 novembre 2014) ha ormai creato le condizioni per una dimensione integralmente digitale dell’archivio corrente.

Non servono nuove norme, bisogna innovare con semplicità. Servono in questo senso modelli operativi di applicazione concreta e non astratta, sorretta da un impianto metodologico coerente e condiviso. Gli archivisti, i diplomatisti, gli informatici, i giuristi, i data protection officer, i manager e scienziati dell’organizzazione aderenti alla Community di Procedamus – patrocinata anche da FPA – hanno realizzato un modello di Manuale di conservazione che tutte le amministrazioni pubbliche possono scaricare e personalizzare.

Tra i 17 Sustainable Development Goals - strettamente correlati l'uno con l'altro - il focus, in questo evento, sarà sull'obiettivo 9 "Innovazione e infrastrutture", ma parleremo anche di "Pace, giustizia e istituzioni solide".


In collaborazione con

Programma dei lavori

Chairperson

Penzo Doria
Gianni Penzo Doria al convegno: " Modelli di conservazione digitale" - FORUM PA 2017
Gianni Penzo Doria Direttore Generale - Università degli Studi dell’Insubria Biografia Vedi atti

Gianni Penzo Doria, Direttore Generale dell’Università degli Studi dell’Insubria.

Di formazione classica, si è occupato dei problemi connessi all’introduzione del protocollo informatico (ancora nel 1995), della firma digitale, della classificazione e fascicolatura, dei sistemi informativi sia nel settore pubblico che nel settore privato, trattando prevalentemente le tematiche inerenti alla trasparenza amministrativa, all’informatica giuridica, alla diplomatica dei documenti pubblici e delle collegialità amministrative.

Ha riservato una cospicua mole di attività alla reingegnerizzazione dei procedimenti amministrativi e dei sistemi di workflow management e ha scritto una quarantina di saggi sui temi dell’amministrazione digitale, dell’organizzazione degli archivi, dell’albo on-line, della PEC e dei rapporti tra trasparenza e sistema documentale.

È componente del Comitato tecnico-scientifico degli archivi in seno al Ministero dei beni e della attività culturali e del turismo, Coordinatore nazionale diTitulus Scuola (http://scuola.titulus.it), il progetto del MiBACT per la digitalizzazione degli archivi scolastici italiani e Responsabile scientifico del progettoProcedamus (www.procedamus.it), in tema di procedimenti amministrativi per le università e per gli enti di ricerca. Collabora con AgID sui temi della pubblicità legale.

Chiudi

Atti di questo intervento

01_co_10_doria_gianni.mp3

Chiudi

Intervengono

Aspetti critici della interoperabilità nelle conservazioni digitali e soluzioni

Piccoli
Andrea Piccoli: ""Reperibilità” delle informazioni e documenti" - FORUM PA 2017
Andrea Piccoli Direzione GED Prodotti -Direzione Tecnica – Cloud Evangelist – SOA Architect - Vecomp Software Biografia Vedi atti

Vice Presidente di Vecomp Software, Direttore della BU Gestione Documentale, Direttore Tecnico.

Delegato Territoriale ANORC e iscritto a livello Advanced in ANORC Professioni.

Chiudi

La conservazione in ambiente digitale

Guercio
Mariella Guercio: "Conservare il digitale: il ruolo dei manuali" - FORUM PA 2017
Mariella Guercio Presidente - Associazione nazionale archivistica italiana - Anai Biografia Vedi atti

Maria Guercio è docente di gestione documentale presso la Scuola di specializzazione in beni archivistici e librari dell’Università La Sapienza di Roma. Dal 1996 collabora con gli enti di regolazione alla definizione della normativa sulla gestione e conservazione dei documenti informatici. Svolge un'intensa attività di ricerca nazionale e internazionale in materia di gestione e conservazione delle memorie digitali. Fa parte del Program Committee del Consiglio internazionale degli Archivi. Nel 2009 ha ricevuto il premio internazionale Emmett Leahy nel campo dell'Information and Records Management. E' co-direttore della rivista "J-Lis" e dal 2015 è presidente dell’Associazione nazionale archivistica italiana – ANAI.

Chiudi

Perché la conservazione digitale è una sfida multidisciplinare

Bertè
Rosa Maria Bertè: "Perché la conservazione digitale è una sfida multidisciplinare" - FORUM PA 2017
Rosa Maria Bertè Funzionario della Direzione Generale dei Sistemi informativi - Corte dei Conti Vedi atti

La bulimia normativa sul digitale ha un rimedio possibile: fare le cose concrete con semplicità

Piacitelli
Maurizio Piacitelli: "La bulimia normativa sul digitale ha un rimedio possibile: fare le cose concrete con semplicità" - FORUM PA 2017
Maurizio Piacitelli Specialista ICT Manager della Direzione Generale dei Sistemi informativi - Corte dei Conti Biografia Vedi atti

Esperto di tematiche inerenti la gestione documentale, flussi informativi e normative di riferimento.

Docente in corsi di formazione su ITIL, PRINCe2, metodologie di test, rilevazione ed analisi requisiti, metodologie di sviluppo0 software Agile, DevOps.

Impegnato in progetti di sviluppo software con utilizzo delle metodologie di sviluppo Agile; disegno delle architetture software.

Impegnato in progetti di analisi ed utilizzo dei modelli di servizio (IasS, PaaS, SaaS) e di distribuzione (private, hybrid, community, public) del cloud computing. Migrazione di applicazione, dati e servizi sul cloud computing. Architetture ibride di interconnessione. Orchestrazione e catalogo servizi. Esperto delle tematiche di sicurezza dati ed informazioni.

Esperto di tematiche inerenti la Continuità Operativa e la gestione delle infrastrutture IT.

Chiudi

Un modello di Manuale di conservazione per le università e per gli enti di ricerca (ma mutuabile da tutte le amministrazioni pubbliche)

Bezzi
Alessandra Bezzi: " Il manuale di conservazione Modello per le università e gli enti di ricerca" - FORUM PA 2017
Alessandra Bezzi Direttore Generale Vicario - Università degli Studi dell'Insubria Vedi atti
Torna alla home